39. Giornate letterarie di Soletta

Rientra nelle più belle virtù delle autrici e degli autori l’accorgersi e lo scovare i mutamenti sociali, visibili e non. Indagano sulle screpolature degli strati sociali o rapportano degli effetti della guerra, di esodi e dell’emarginazione dell’individuo. Cercano di capire e di cristallizzare – però, innanzitutto, vogliono raccontare creando un’atmosfera di partecipazione. Ma al giorno d’oggi, come può riuscire tutto ciò alle autrici e agli autori, considerando le miserie della guerra e le grida nazionalistiche?

La letteratura possiede la forza misteriosa di poter raccontare, analizzare e rappresentare senza essere costretta a trovare delle risposte affrettate o concilianti. Proprio per questo è in grado di delineare prospettive capaci di aprirci il cuore e gli occhi. Prospettive che ci aiutano a chiarire le domande del «Chi siamo?» e del «Chi vogliamo essere?». Questo sarà il tema di discussione che occuperà le Giornate letterarie di Soletta di quest’anno.

«Chi sono io?» include un alto aspetto intimo. Ad esempio in «Lanz», il romanzo di debutto di Flurin Jecker, che narra di come un giovane cerchi di essere a suo agio col mondo. Vanno nella medesima direzione le opere a carattere autobiografico di Urs Faes, Kathy Zarnegin e Francesco Micieli, o il piccolo cosmo famigliare di Julia Weber, dove la madre e i due figli si chiedono quotidianamente: «Chi sono io e perché?». Francesca Sanna, Olga Grjasnowa, Franzobel e Ilija Trojanow – per non citarne che alcuni – pongono queste domande sullo sfondo dell’attuale crisi migratoria in maniera tutta personale.

Le Giornate letterarie di Soletta presentano quest’anno circa 70 autrici e autori che, care visitatrici e visitatori, vi ispireranno all’una o all’altra domanda. Siate presenti quando esporranno le loro ultime pubblicazioni nelle quattro lingue nazionali come pure in spagnolo, bulgaro e inglese, oppure quando dialogheranno fra loro su temi impellenti e attuali sulla politica, la società, i media e la cultura.

Il programma delle Giornate letterarie di Soletta offre una variegata scelta: prosa e poesia, Spoken Word, letteratura per bambini e giovanile. Si leggerà, tradurrà, parlerà, ci si esibirà su un palco, ci si batterà sulle parole, si improvviseranno immagini oppure, tardi la sera, ci si ritroverà al bar per stare in compagnia e ballare.

A nome di tutte le autrici e gli autori dalla Svizzera e dall’estero, vi invitiamo cordialmente ad ascoltare, riflettere, discutere e a passare piacevoli momenti d’aggregazione.

Avete ancora domande o desideri? Siamo volentieri a Vostra disposizione a queste 39. Giornate letterarie di Soletta.

Le Giornate Letterarie di Soletta