Prisca Agustoni

È nata a Lugano nel 1975. Dal 2003 vive tra la Svizzera e il Brasile, dove insegna letteratura comparata e italiana all’università di Juiz de Fora. È poeta, narra- trice e traduttrice. Scrive in italiano, portoghese, spagnolo e francese. (2015)

Bibliografie (Auswahl):

Un ciel provisoire. Poèmes.
2015

Cosa resta del bianco
2014

Poesia scelta 2000-2012
Giuliano Ladolfi Editore, 2013

O mundo na cabeça
2009

La morsa. Poesie
Alla Chiara Fonte editore, 2007

Cosa resta del bianco

Amori irrisolti in bilico tra desiderio e rancore, corpi in trasformazione, personaggi grotteschi e brandelli di vita quotidiana. Dosando sapientemente descrizione minuziosa e allusione poetica, le 65 prose brevi illustrano, perlopiù in prospettiva femminile, esperienze vissute ed enigmi esistenziali.

Da: «Cosa resta del bianco»

Poco a poco, ho assistito alla regressione delle anche, il corpo senza protezione e senza argini concreti dove poter fare germogliare un desiderio.
Ho visto il mio viso risucchiato mentre la sua bocca si riempiva di parole. Lei ha fatto della sua bocca una chiesa adornata per la festa, piena zeppa di dettagli e ornamenti ricamati sulla pelle tirata come un lenzuolo. Un tatuaggio ricamato di piccoli diamanti.
Le incisioni avevano il timbro delle montagne e caricavano solitudini e pietre sempre più giù, verso valle, rotolando.
Ed io, febbrile, sanguinavo dentro ai miei vestiti e alle mie colpe.

Fr, 15-05-15, 16:00

Lettura
Stadttheater, Studio Arici
Moderazione: Paola Gilardi

Sa, 16-05-15, 16:30

Breve lettura
Aussenpodium Klosterplatz